Panorama di Cavalese Alpi del Cermis
Benvenuti in

Val di Fiemme

Il comprensorio sciistico di Val di Fiemme/Obereggen | Dolomiti Superski

LocaltiÀ

Bellamonte

Bellamonte, frazione di Predazzo, un tempo era considerata “il monte del fieno” della Val di Fiemme. Oggi è ambita meta turistica sia per le caratteristiche baite ai piedi della catena del Lagorai, sia per i tramonti stupefacenti sulle Pale di San Martino. A Bellamonte è doverosa una visita all’incredibile collezione di attrezzi contadini e oggetti antichi custodita in un antico tabià, il Museo di Nonno Gustavo

Capriana

Capriana è il comune più piccolo e decentrato della Val di Fiemme e comprende anche le località Maso Bait, Carbonare, Rover, Maso Lio, Maso Casel e Maso Cao de Villa. Il primo insediamento fu probabilmente quello di Carbonare, chiamato così per la produzione di carbone dalla legna di rovere.
Meta privilegiata per gli amanti della natura e della tranquillità, il paese è vicino ai vigneti della Val di Cembra, i più antichi del Trentino, ed è immerso nel Parco Naturale del Monte CornoSeguendo il sentiero Europeo E5 si arriva ai Prati del Toro, al Lago Bianco (1.675 m) e al Lago Nero (1.717 m), fino alla cima del Monte Corno (1.815 m). 

Carano

Tipico villaggio alpino, Carano è situato su un terrazzo naturale che domina la vallata, con vista sulla Catena dei Lagorai e sulle Pale di San Martino. Il paese sorge su un antico castellerie dell’Età del Bronzo. Il centro è caratterizzato dalle cosiddette “Cortazze” o “Corti”, una serie di passaggi e stradine spesso situate sulla linea della massima pendenza per facilitare il defluvio delle acque. Passeggiando si possono ammirare dipinti murali e affreschi, la bella fontana monolitica del 1888 e il capitello dedicato alla Vergine. La chiesa di Carano, dedicata a San Nicolò di Bari, risale al 1150. Uscendo dal paese, in direzione Cavalese, nel muro sulla sinistra, si nota il sasso "fato lano dela fame" in ricordo della carestia del 1570. Da visitare il museo etnografico Casa Begna e l'antica sorgente di Ceva, con un'acqua solfato-calcareo-magnesiaca efficace contro le malattie reumatiche e della pelle. Fra le passeggiate più spettacolari vicino al paese, il Sentiero delle Cascatelle. 

Castello di Fiemme

Castello di Fiemme è un tipico villaggio di antica costruzione raccolto in un'ampia e soleggiata conca prativa. Il clima è asciutto e salubre: la zona registra la minor quantità di precipitazioni annue di tutta la valle. Il nome Castello deriva dall'antico maniero posto sul colle roccioso dell'abitato. Nel 1296 il castello fu saccheggiato e dato alle fiamme dagli abitanti della valle come simbolo di oppressione. Ora vi sorge la chiesa parrocchiale ottocentesca di S. Giorgio. 
A Castello, sono da ammirare quattro edifici medioevali noti come “case romane”. Dalle stradine del paese si affacciano anche vecchie case rustico-signorili, massicce con scale lignee esterne e affreschi sacri. Nei dintorni è da visitare il Doss Zelòr, sede di un castelliere preistorico, dove sono stati rinvenuti vasi fittili dell’epoca del Bronzo e oggetti della seconda Età del Ferro.

Cavalese

Cavalese è distesa su una terrazza soleggiata di fronte alla Catena del Lagorai. Domina l’abitato il campanile merlato della chiesa di San Sebastiano. Nel centro storico si affacciano vetrine di artigianato e di abbigliamento sportivo, una discoteca, pub, wine bar, rinomati ristoranti, palazzi d’epoca perfettamente restaurati, eleganti ville e moderne strutture sportive. Tra queste, un avveniristico palazzo del ghiaccio dove si pattina anche in estate e una piscina comunale con vasche idromassaggio interne ed esterne. Dal paese partono gli impianti di risalita Alpe Cermis che accompagnano sciatori ed escursionisti verso spettacolari panorami d’alta quota. Gli impianti permettono di raggiungere anche il fondovalle che in estate è attraversato dalla pista ciclabile delle Dolomiti e in inverno dalla pista da fondo della Marcialonga.

Daiano

Il caratteristico villaggio fiemmese è situato sulla strada che da Cavalese porta al Passo Lavazé. Daiano è fra i più è piccoli paesi della Val di Fiemme, ma è anche quello che vanta più ore di esposizione al Sole.
Sull’abitato spicca il campanile a cipolla della chiesa in stile gotico San Tommaso, costruito nel 1761. Dalle case più antiche si affacciano affreschi sacri. Gli edifici posseggono le tipiche caratteristiche architettoniche della Valle, come le fontane formate da monoliti che ornano le vie, o la casa “Romana”, detta anche “Castello”, anch’essa di stile gotico e imponente, o ancora le case in legno, di aspetto molto severo e rustico. 

Masi di Cavalese

Fra meridiane, decorazioni, gnomi di legno, legnaie, orti rigogliosi e cavalli di razza, il tempo si ferma fra i masi della piccola Masi di Cavalese. In questo borgo laborioso c’è un’altissima concentrazione di artigiani e persino un riparatore di fisarmoniche. 
La frazione dista 3 chilometri da Cavalese e di distende lungo il torrente Avisio. Masi viene anche chiamato “il paese dell’arcobaleno” perché quasi dopo ogni pioggia appoggia il suoi colori sul centro abitato. Camminando fra antiche case, agritur e fienili si possono incontrare diversi animali da fattoria. Da ammirare la chiesa settecentesca dedicata alla Santissima Trinità. 

Molina di Fiemme

Il paese di Molina di Fiemme è disteso lungo il torrente Avisio all’imbocco della Val Cadino.
Oltre a Predaia e Stramentizzo, Molina è uno dei centri abitati che appartengono al comune di Castello-Molina di Fiemme. Le due frazioni principali sono distanti l’una dall’altra circa 2 km.

Pampeago

L'Alpe di Pampeago è stata l’arrivo di tappa di cinque Giro d'Italia. Meta ideale per le due ruote, è l’unico passo dolomitico asfaltato e chiuso al traffico. 
Le seggiovie accompagno fra le cime dolomitiche del Latemar, dichiarate dell’Unesco “Patrimonio Naturale dell’Umanità”. Merita una visita RespirArt, il parco d’arte più alto al mondo, dove sono organizzati concerti all’aperto nel Teatro del Latemar ed escursioni di land art. Altre passeggiate conducono al parco tematico Latemarium di Obereggen o a Malga Pampeago, nota per le sue “lezioni” di mungitura delle mucche e di preparazione del burro. 

Panchià

Panchià è un piccolo comune della Val di Fiemme tra i paesi di Tesero e Ziano di Fiemme. Dominato dal Massiccio del Cornon e dal Monte Agnello, Panchià è un tipico paese alpino poco distante dai centri sciistici per lo sci alpino, lo snowboard e lo sci nordico, oltre alle innumerevoli possibilità di escursionismo durante l’estate. 
Attraversano l’abitato il torrente Avisio e il Rio Bianco. È molto caratteristico il “Ponte vecchio” sull’Avisio (1903), con un tetto in legno a due falde. Da visitare anche la chiesa parrocchiale di S. Valentino (1190). Lungo la passeggiata che conduce a Val Cavelonte si può ammirare un magnifico albero monumentale, il “Pecio del Cuco”. 

Passo di Lavazé

L'altopiano del Passo Lavazé, a 8 km da Varena, è uno fra gli ambienti più affascinanti della Val di Fiemme dal punto di vista paesaggistico. L’immensa distesa di prati, incorniciati da abeti, larici e cirmoli, è sovrastata dalla Pala di Santa (2.488 m.). Dal passo si gode un ampio panorama sul Catinaccio e sul Latemar, vette dolomitiche che, a ogni tramonto, offrono lo spettacolo dell’enrosadira. In estate, questo è il luogo perfetto per escursioni, a piedi o in mountain bike, degustazioni nelle baite, pesca sportiva e nordic walking.

Predazzo

In origine c’erano dodici masi. Ora è il paese più popolato della Val di FiemmePredazzo è considerata il “Giardino geologico delle Alpi” perché vanta la più alta concentrazione di varietà geologiche al mondo. Nella piazza centrale è possibile visitare il Museo Geologico delle Dolomiti per ammirare una straordinaria raccolta di rocce minerali e fossili, ma anche pubblicazioni scientifiche che testimoniano gli studi sulla formazione delle Dolomiti. Camminando lungo il sentiero geologico del Doss Capèl, tra il passo Feudo e l’Alpe di Pampeago (2.000-2.200 m. slm.) si incontrano spiagge e fondali marini, conchiglie e stelle di mare che vissero prima dei dinosauri, ma anche lave, ceneri e lapilli dell’antico vulcano di Predazzo. 

Stava-Tesero

Questa conca verde e soleggiata, con hotel specializzati nell’accoglienza delle famiglie e nel trekking, permette di vivere un’immersione totale nella natura a metà strada fra il paese diTesero, il Passo Lavazé (con il suo centro per lo sci da fondo) e l’Alpe di Pampeago (accesso allo Ski Center Latemar). 
Stava ospita ogni estate la famosa gara di corsa in montagna Stava Skyrace ed è la sede di una delle più importanti palestre di arrampicata al coperto della regione. 

Tesero

Nel cuore della Val di Fiemme, Tesero è una vera e propria culla di tradizioni. Durante le festività natalizie, dai  vicoli, dai cortili, dalle finestre, dalle stalle e dalle cantine si affacciano cento presepi artigianali. L’evento  “Tesero e i suoi Presepi” attira migliaia di visitatori. Mentre ogni estate i cortili del paese ospitano la manifestazione “Le corte de Tiezer”, con spettacolari rievocazioni di antichi mestieri, tradizioni gastronomiche e musicali.
Il centro storico è costellato di chiese, capitelli, meridiane, affreschi e i forni “dal pan”. Da visitare Casa Jellici, un edificio storico adibito a museo e sede di mostre, esposizioni e concerti. Tra gli elementi d'interesse artistico, la parrocchiale di S. Eliseo con curioso campanile, la cappella di S. Rocco del XVI secolo, la chiesa gotica dei Santi Leonardo e Gottardo e il Palazzo del Municipio barocco.

Valfloriana

Valfloriana è un Comune composto da dieci frazioni (Barcatta, Casanova, Casatta, Dorà, Montalbiano, Sicina, Valle, Villaggio), arroccate lungo l'estremità Sud-Ovest della Val di Fiemme. Come Capriana, anche Valfloriana si trova all’imbocco della Val di Cembra. Grazie alla sua posizione un po’ decentrata, può offrire atmosfere rilassanti e legate alle antiche tradizioni. 

Varena

In bella posizione, adagiato ai piedi del Corno Nero, il paese di Varena è fra i nuclei abitati più antichi del Trentino. Passeggiando per Varena si possono ammirare le tipiche fontane monolitiche di porfido. Secondo la tradizione, dalle fontane di Varena sorgeva la migliore acqua potabile della valle. Da visitare la chiesa di Varena dedicata ai Santi Pietro e Paolo e consacrata nel dodicesimo secolo. L’interno gotico conserva tracce della decorazione medioevale, opere del Longo e dipinti degli Unterperger. 
Spettacolari le passeggiate pianeggianti e panoramiche intorno all’abitato. 

Ziano di Fiemme

L’incantevole villaggio, con le sue frazioni Zanon, Roda, Bosin, Parti del Cioto e Zanolin, è adagiato lungo il torrente Avisio, di fronte alla maestosa Catena del Lagorai, proprio nel punto dove la valle compie un’ampia curva. Le abetaie e le ampie distese verdi, in gran parte pianeggianti, arrivano ai bordi del centro abitato.
Con la sua fitta rete di itinerari per escursioni nel Gruppo dolomitico del Latemar e sulla Catena del Lagorai, Ziano di Fiemme è luogo di soggiorno estivo e invernale. 

Passo Rolle

Situato a 1.980 metri sopra il livello del mare, il valico del Passo Rolle collega San Martino di Castrozza con le altre valli dolomitiche. La località è costituita da un piccolo nucleo abitato con alcuni alberghi, ristoranti, bar e negozi ai piedi del magnifico anfiteatro delle Pale di San Martino, porta d’accesso sud-ovest delle Dolomiti Patrimonio Unesco. La zona, sovrastata dall’inconfondibile profilo del Cimon della Pala (3.186 m), è in estate un ottimo punto di partenza per passeggiate, escursioni ed uscite in mountain bike. Tra le mete più note ricordiamo la stupenda Val Venegia, i laghi di Colbricon ed il Cristo Pensante, raggiungibile percorrendo l’omonimo trekking. Grazie all’inconfondibile vista sul Cimon della Pala (3.186 m) i 15 chilometri di piste presenti a Passo Rolle completano l’offerta della ski area e sono senza dubbio i tracciati più panoramici dell’intero arco alpino.

Sciatori in Val di Fiemme
Centro Sci Latemar - Alpe di Pampeago
Panorama di Cavalese Alpi del Cermis
Sciatrice che salta in Val di Fiemme
Pista da sci illuminata a Cavalese Alpi del Cermis
Impianti della Val di Fiemme
Piste da sci a Cavlese Alpi del Cermis
01 /
00
- Una perla nel cuore del Trentino

Una perla nel cuore del Trentino

La Val di Fiemme si caratterizza per una tradizione ancora fortemente vissuta e una grande ospitalità nelle Dolomiti italiane. A ovest la valle confina con il parco naturale Monte Corno, a nord con la catena del Latemar e il Corno Nero. A est è fiancheggiata dalle Pale di San Martino e dal più bel parco naturale d’Europa, il Paneveggio.

Da vero fan dell’inverno percepirai subito il perfetto accordo tra sport, natura e tradizione nel comprensorio sciistico della Val di Fiemme. Potrai esercitarti in ampie curve verso valle tra le cime del Latemar e le Pale di San Martino.

Val di Fiemme: cinque comprensori sciistici uniti per creare un unico collegamento. Per uno sciatore significa potersi divertire sugli sci ai massimi livelli, avere l’imbarazzo della scelta in questa regione sciistica così speciale, tra il sud dell’Alto Adige e il nord del Trentino. 111 km di piste e 45 impianti di risalita rendono questa esperienza sugli sci ancora più vasta.

Panoramica sulla regione sciistica di Val di Fiemme/Obereggen:

  • Alpe Cermis-Cavalese
  • Ski Center Latemar
  • Lavazè
  • Passo Oclini
  • Bellamonte
  • Passo Rolle

Un comprensorio sciistico che guarda lontano

Hai già parecchi chilometri di piste alle spalle o stai approcciando solo ora gli sport invernali nelle Dolomiti? Sia per gli uni che per gli altri l’area sciistica di Val di Fiemme/Obereggen è perfetta: in Val di Fiemme c’è posto per tutti i livelli di competenza. Con una media di 63 giorni di sole e ben 18 chilometri di piste nere, gli sciatori purosangue troveranno quello che cercano. Per chi preferisce qualcosa di più tranquillo, i circa 52 chilometri di piste rosse e i 40 chilometri di piste blu sono i più indicati. In più sono a tua disposizione 45 dei più moderni impianti di risalita, dalle sciovie e seggiovie alle più comode cabinovie.

Qualcosa per i più coraggiosi: è famosa, spettacolare e una delle più lunghe sulle Alpi, stiamo parlando della pista Olimpia sul Cermis. Provala in tutto il suo splendore!

Prima le famiglie: in tutti i comprensori nella regione sciistica di Val di Fiemme/Obereggen anche i giovanissimi sciatori sono i benvenuti. Negli asili sulla neve, nelle migliori scuole di sci e negli avventurosi snowpark il più piccolo fan degli sport invernali imparerà a conoscere i piaceri dello sci tra giochi e divertimenti.

Giù dalle piste con il giusto brio: ben 120 istruttori di sci affiancano tutti i principianti e gli sciatori alle prime armi in Val di Fiemme. Basta iscriversi nelle scuole di sci e imparare come si usano al meglio sci e racchette!

Curioso di vedere cosa ti aspetta tra le montagne delle Dolomiti? Fai clic sulla webcam e ammira questo straordinario paesaggio!

Consiglio: un’esperienza da non perdere! L’Alpine Coaster nel bel mezzo delle Dolomiti ti strapperà sicuramente qualche grido di gioia. A 1.650 metri di altezza si attraversa la foresta ai piedi del Latemar!

Per quel kick in più: snowpark e sci notturno

Per i freerider e gli amanti degli sport invernali c’è uno dei più moderni e impegnativi snowpark, con incluse due piste per slittino. Metti alla prova le tue capacità con halfpipe, jump e wall e mostra ai tuoi compagni di viaggio cosa vuol dire fare delle vere acrobazie aeree.

Per una volta sotto il cielo stellato: chiunque può sciare di giorno. Cosa ne diresti di due curve in pista di notte? In Trentino molti amano sciare in notturna. Sull’Olimpia 3, sull’Alpe Cermis o allo Ski Center Latemar a Obereggen potrai divertirti sotto la luce dei riflettori.

I rifugi di montagna e i bar per l’après-ski in Val di Fiemme

Ogni comprensorio sciistico offre rustici rifugi invernali e bar-tendone per ospitare le serate spensierate dopo una giornata trascorsa sugli sci. Tutti cantano insieme le Ballermann-Hits tra cui “Mamma Lauda” o “Hey Baby”. Per gli sciatori che amano un’atmosfera rilassata e accogliente e la buona cucina, le baite del Trentino sono il posto giusto. Tra mortadella, gustoso Trentingrana o polenta preparata in vari modi, tutto è splendidamente gustoso nei ristoranti d’alta montagna.

Caratteristiche del comprensorio sciistico di Val di Fiemme/Obereggen

Nel comprensorio sciistico di Val di Fiemme/Obereggen hai molte possibilità per ottenere il biglietto d’accesso al paradiso invernale nelle Dolomiti. L’unica domanda da porsi è questa: preferisci un divertimento in pista limitato al comprensorio di Val di Fiemme/Obereggen o vuoi goderti uno spasso infinito nell’intera regione sciistica delle Dolomiti? Sia nel primo che nel secondo caso, con lo skipass di Val di Fiemme/Obereggen o il pass del Dolomiti Superski entrerai in un mondo di scintillante bianco splendore.

Ricevi ora ulteriori informazioni sugli sconti, i prezzi esatti e i biglietti combo!

SEI IN CERCA D'ISPIRAZIONE?

Sciare nella città dei sassi

Super Premiere

La formula magica di inizio stagione è 4 = 3 e comprende una giornata di soggiorno e di sci in omaggio da 4 giorni in poi (8 giorni al prezzo di 6) nel periodo dal 30 novembre al 22 dicembre 2018.

Dettagli
sciare sulle Dolomiti

Supersun

Sciare al sole di primavera con una giornata di sci in omaggio significa: 7 giorni di alloggio pagandone 6.

Dettagli

ORGANIZZA LA TUA VACANZA DEI SOGNI

Caratteristiche del comprensorio sciistico di Val di Fiemme/Obereggen

Il territorio del Trentino nelle Dolomiti racchiude in sé veri e propri tesori naturali e culturali. Prova qualcosa di nuovo ed esplora i luoghi d’interesse della Val di Fiemme.
Comprensorio sciistico Val di Fiemme

il parco naturale di Paneveggio - Pale di San Martino

Questo famoso parco naturale si trova tra la Val di Fiemme, la Val di Fassa e la Valle di Primiero. Lo spettacolo naturale è caratterizzato da una flora e una fauna ricca e da un bosco unico nel suo genere. In particolare gli abeti rossi della foresta di Paneveggio hanno un grande valore poiché col loro legno vengono prodotti i più famosi violini e archetti del mondo.

Vieni a scoprire il regno dei cervi e goditi un assaggio di burro e delle specialità casearie prodotte a mano nelle malghe.

a cena a tutta velocità

Vorresti tornare nei rifugi di montagna anche dopo lo sci? Con la motoslitta si può, in modo facile e veloce. Prova questa straordinaria salita ai ristoranti di montagna e preparati a sentir crescere l’emozione durante il tragitto. Dopo cena arriva la parte migliore: scendere giù dalle piste preparate alla perfezione sotto i riflettori. Prova a sciare in notturna e goditi il piacere dello sci sotto il cielo stellato.

Palazzo della Magnifica Comunità di Fiemme

Il palazzo è superbo, decorato con stemmi e con una ricca e sfolgorante architettura. In particolare nelle sale si percepisce ancora l’aura dell’antica gloria dei principi vescovi di Trento. Durante il Rinascimento, il palazzo era la dimora dei vescovi e oggi, oltre a preservare le tradizioni, ospita una pinacoteca e alcuni scritti di immenso valore.

360° Panorama di Val di Fiemme

Val di Fiemme
Scopri

come arrivare

Via F.lli Bronzetti 60 · 38033 Cavalese - Italia
Apri cartina

SCOPRI LA PROSSIMA AREA SCIISTICA DI DOLOMITI SUPERSKI